Telefonaci

0586 895689 - 02 99781383

  • Orari 9.00 - 13.00 / 14.30 - 19.00: Cell. 334 8611421
  • Sabato 9.15 - 12.15

Diario Viaggio Kenya

 

Diario Viaggio Kenya

 

Cubacom.net voli Kenya è lieta di presentare il Diario viaggio Kenya. Con Cubacom.net by Mattia Tour il Kenya è a portata di mano: su questa pagina troverai una breve descrizione del viaggio in Kenya, partendo dai voli Kenya da Milano e proseguendo con il resto del viaggio, dal soggiorno nel villaggio alle località da visitare.

 

La partenza dei voli Kenya da Milano è operata con voli notturni, che rendono il viaggio decisamente più scorrevole. Il volo da Milano atterra a Mombasa, città sulla costa. Una volta ritirato il bagaglio, usciti dal gate, si trovano gli assistenti che accolgono i passeggeri dei voli indicando il bus diretto al proprio villaggio o resort. Superato l’impatto con il grande caldo, ci sistemiamo a bordo del bus: il trasferimento verso la nostra struttura inizia. Durante il tragitto, il ragazzo keniota che ci ha accolto in aeroporto inizia a raccontare quali siano le bellezze da visitare in Kenya, le varie escursioni nelle varie città e, soprattutto, i safari. All’arrivo al villaggio siamo accolti da un’atmosfera di quiete e relax: la maggior parte dei villaggi in Kenya e dei resort in Kenya sono composti dalla hall dove si fa il primo incontro di benvenuto con il personale e con l’assistete che sarà a disposizione per tutta la durata del soggiorno, le camere, e le aree comuni quali ristoranti, bar, zone relax come il centro benessere, la piscina. Quasi tutte le strutture in Kenya si affacciano sul mare. La prima necessità infatti, dopo essersi sistemati in camera, è di guardare il mare.

Le spiagge del Kenya sono colpite dal fenomeno dell’alta e bassa marea. Ad esempio la mattina, al risveglio, la lunga spiaggia bianca fa godere di un mare cristallino in cui nuotare, che mostra una serie di sfumature dal blu all’azzurro grazie al ricco fondale corallino. Al pomeriggio il mare si ritira e lascia sulla spiaggia una serie di stelle marine dai colori sgargianti! Le località di mare in Kenya più turistiche sono Malindi e Watamu.

Malindi si trova a circa un’ora e mezza di strada da Mombasa, sorge sul mare, ed è stata la prima città della zona a sviluppare il concetto di turismo. A Malindi si possono trovare, oltre alle molte strutture ricettive come resort e villaggi, anche appartamenti, ville e case private di ogni genere che permettono di vivere la vacanza nel modo in cui si preferisce. Malindi è inoltre meta di escursioni sia diurne che notturne: durante la giornata è infatti possibile visitare il conosciuto mercato locale dove si possono acquistare svariati oggetti di artigianato. Oltre allo shopping Malindi è nota per le sue belle spiagge di sabbia bianca finissima. Arrivati a sera le spiagge si trasformano in discoteche e danno vita ad una  serie di feste e serate da non perdere, dove si incontrano turisti stranieri e ragazzi e ragazze del posto. Da non dimenticare però di cenare in uno dei ristoranti locali di Malindi: uno tra questi è il The Old Man and The Sea,  Il vecchio e il mare, ristorante tipico dove si possono assaporare ricche portate a base di pesce e crostacei freschissimi.  Dopo la cena e dopo i due salti sulla spiaggia perché non sfidare la fortuna al Casinò di Malindi per concludere la serata!

 

Watamu si trova a circa un’ora di strada dall’aeroporto di Mombasa, turisticamente parlando, la città nasce in tempi più recenti, non è da molto infatti che il turismo è incrementato a Watamu. Il punto di mare è tra i più belli, si tratta infatti di Riserva Marina e Parco Naturale dove è possibile fare snorkeling ed ammirare l’incredibile fondale corallino. Per gli appassionati di sport acquatici è possibile praticare sport come il kitesurfe, all’interno di alcuni villaggi turistici è presente la scuola per praticare sport acquatici. A Watamu è possibile godersi una giornata di mare a tutti gli effetti con una semplice escursione: è possibile infatti trascorrere la giornata a bordo di una barca che costeggia le spiagge più belle, fermandosi di tanto in tanto per permettere a chi è a bordo di immergersi nelle calde acque cristalline. La destinazione della barca è il Mida Creek:  si tratta di un’insenatura naturale caratterizzata dalla vegetazione di mangrovie. Durante la giornata si fa la sosta per il pranzo su una spiaggia tra le mangrovie, si è accolti da un invitante profumo di brace ed a tavola vengono serviti pesce e crostacei appena pescati. Dopo il pranzo è possibile ammirare la vegetazione più da vicino salendo a bordo di  canoe scavate nei tronchi degli alberi guidate da ragazzi che spiegano nei dettagli la flora e la fauna del Mida Creek. Oltre alla bellezza del mare Watamu offre spunti storici. A pochi minuti in macchina dal centro di Watamu è possibile raggiungere Gede, località che custodisce le Rovine di Gede.  Si tratta delle rovine di un’antica città araba, città nata per gli scambi commerciali: all’interno del sito è ancora possibile distinguere la suddivisione della popolazione, erano circa 2500 abitanti, tra borghesia e classe comune. Tra le due classi sociali sorgevano letteralmente delle mura, la classe borghese viveva all’interno delle mura dove sono stati scoperti i resti di tre moschee ed il Palazzo del Sultano, oltre alle case dei borghesi. All’interno del sito archeologico si trova un museo dove sono conservati ed esposti alcuni ritrovamenti preziosi come prodotti di artigianato provenienti da Spagna, Cina e Venezia. Gede si trova immersa nel verde all’interno del Parco Nazionale Arabuko Sokoke, camminando tra le rovine infatti è possibile farsi accompagnare dalle scimmie presenti in colonie all’interno del parco.

Per chi ha più tempo da dedicare alla scoperta della natura in Kenya, consiglio la visita al Canyon Marafa, noto anche come Cucine del Diavolo. Si tratta di un canyon caratterizzato dai colori della sua terra: il bianco, il giallo ed il rosso. La leggenda narra che in quella zona vivesse una famiglia talmente ricca da utilizzare il latte delle proprie mucche addirittura per lavarsi, visto l’incredibile spreco Dio li volle punire facendoli sprofondare nella gola dove il calore dei raggi del sole porta a temperature elevatissime, infernali. Da qui il canyon prese i colori: il bianco del latte, il giallo del sole ed il rosso dell’inferno! 

 

La vacanza in Kenya si svolge con l’alternarsi di giornate di relax in riva al mare a giornate in escursione. Ma una su tutte è l’escursione per eccellenza: il SAFARI. All’interno dei villaggi turistici in Kenya vengono proposti diversi tipi di safari, si distinguono per il parco da visitare, la durata del safari stesso, o la distanza dalla località di villeggiatura in cui ci si trova. I parchi più conosciuti sono il Masai Mara National Riserve e lo Tsavo National Park. I due parchi naturali si distinguono fondamentalmente perché lo Tsavo è Parco Nazionale tutelato ed amministrato dal Kenya Wildlife Service, mentre il Masai Mara è una Riserva Naturale gestita da autorità locali.

Partendo da località come Watamu o Malindi, il viaggio verso il Masai Mara è lungo. Questo tipo di escursione prevede infatti il trasferimento in aereo partendo dal piccolo aeroporto di Malindi. Poco prima dell’atterraggio nella zona del Masai Mara viene sorvolata la Savana ed è possibile ammirare l’incredibile flora e fauna locale: gruppi di zebre, mandrie di bufali, giraffe… Lo spettacolo è incredibile, ed è solo l’inizio! Una volta atterrati il viaggio prosegue in jeep. All’interno del parco non ci sono strade sterrate da seguire, è la
guida al volante dell’auto che sa come muoversi per scovare ed ammirare il più alto numero di animali possibile. L’esperienza del Masai Mara è unica nel suo genere, dovendo però prendere un volo interno per raggiungere il parco e dovendo trascorrere obbligatoriamente almeno una notte fuori, il costo del safari è più alto rispetto ad altri.


Il parco più visitato in Kenya è lo Tsavo National Park. Lo Tsavo si divide in due parti: lo Tsavo Est e lo Tsavo Ovest. Lo Tsavo Ovest durante la maggior parte dell’anno gode di una fitta vegetazione a causa della quale, però, è molto difficile avvistare animali. Per questo motivo i safari in questa zona del parco sono molto meno frequenti. Lo Tsavo Est invece, da novembre a marzo, ha il classico panorama da Savana, radure di graminacee, cespugli e alberi di varie specie. E’ possibile vivere il safari nello Tsavo Est con escursioni di una giornata o di due giorni e una notte. Il safari di due giorni si svolge come segue: partenza dal resort la mattina presto, per arrivare all’ingresso del parco si percorrono strade più o meno sterrate per circa 3 ore. Più ci si avvicina allo Tsavo e più la terra diventa di colore rosso. Arrivati al parco inizia il primo game drive: a bordo di minivan da nove posti si sta in sei persone, in modo che ognuno abbia il suo finestrino, il tettino del van si alza ed è possibile osservare la Savana dal vivo, in piedi nel van, e con macchina fotografica pronta allo scatto! Inizia quindi il vero viaggio immersi nella natura. La vista degli animali è pazzesca, zebre, giraffe, antilopi, ippopotami, ma l’attenzione di tutti è rivolta al re: il leone! Ci si ferma un po’ ad osservare e cogliere il meglio da ogni incontro ravvicinato che si fa con la natura, e poi si procede fino all’incontro successivo con una coppia di ghepardi. La temperatura ormai è elevata e il minivan ci porta verso il lodge dove pranzeremo e poi, dopo il secondo game drive pomeridiano, passeremo la notte. Il lodge è all’interno dello Tsavo, è composto da camere in muratuta e tende per il pernottamento. Non ci facciamo mancare neanche un tuffo in piscina! Dopo il pranzo, verso metà pomeriggio si riparte alla scoperta di altri animali: l’incontro con gli elefanti lascia a bocca aperta. Nello Tsavo gli elefanti sono rossi perché sono ricoperti della terra rossa che contraddistingue il parco. Si trovano a famiglie intere, dal capobranco al cucciolo! Dopo aver visto gli elefanti si può tornare al lodge per la cena e per passare la nottata. Una volta calato il buio sulla Savana gli unici rumori che si sentono sono i barriti degli elefanti ed il ruggito del leone, in lontananza. Al mattino seguente ci si avvicina verso l’uscita del parco facendo un ultimo game drive. La sosta al negozio di souvenir alle porte del parco e la visita ai coccodrilli è immancabile prima di tornare verso il proprio resort!

 

Il viaggio in questa piccola parte di Kenya è uno dei più completi ed emozionanti in assoluto. Si incontrano persone fantastiche, popolazioni  indimenticabili di una ospitalità unica. La natura la fa da padrona, sia che ci si dedichi al relax sia che si vogliano scoprire posti nuovi, e ciò che resta al ritorno a casa è la mancanza di quelle terre poi non così lontane. 

 

 

Non perdere le nostre offerte Kenya, Clicca qui!

 

 

 

About The Author

Related posts

Contattaci su WhatsApp